logo principale caprilli

Chi deve rivolgersi al Pronto Soccorso?

pubblicato da:
Chi deve rivolgersi al Pronto Soccorso?

5 gennaio, 2018

Il Pronto Soccorso è il servizio dedicato alle urgenze e alle emergenze sanitarie.

Deve rivolgersi al Pronto Soccorso:

• una persona che si trova in condizioni cliniche di possibile immediato pericolo di vita;
• una persona che, se non sottoposta a terapie mediche specifiche in breve tempo, potrebbe incorrere in elevati rischi per la propria salute;
• una persona con danno traumatico o con sintomi acuti che interferiscono con le normali attività.
• Tenuto conto che il grado di febbre non indica necessariamente la gravità della malattia, tuttavia un adulto con febbre maggiore di 39°, che persiste da più di tre giorni ed è associata a:
– grave mal di testa,
– e/o grave gonfiore alla gola,
– e/o eruzioni cutanee,
– e/o torcicollo,
– e/o confusione mentale,
– e/o vomito persistente,
– e/o difficoltà respiratoria,
– e/o dolori addominali,

• I soggetti più facilmente esposti alle complicanze influenzali come i bambini, gli anziani, le donne in gravidanza, i soggetti affetti da patologie coesistenti (es. malattie croniche, respiratorie, malattie cardiache, renali, epatiti, tumori, diabete, malnutrizione, malattie cerebrovascolari croniche, etc.).

Non ci si deve rivolgere al Pronto Soccorso:

• per evitare liste di attesa nel caso di visite specialistiche non urgenti;
• per ottenere la compilazione di ricette;
• per ottenere controlli clinici non motivati da situazioni urgenti;
• per evitare di interpellare il proprio Medico curante;
• per ottenere prestazioni che potrebbero essere erogate presso servizi territoriali (Medico di Famiglia, Poliambulatori, Guardia Medica);
• per comodità e per abitudine o per evitare il pagamento di ticket.
• Nel caso di “febbri” soprattutto se associate a raffreddore, magari che colpiscono giovani in buone condizioni generali e che possono essere prese in carico dal proprio Medico curante o dal servizio di Continuità Assistenziale (ex guardia medica), che interviene negli orari in cui gli studi dei Medici di Medicina Generale o dei pediatri di famiglia sono chiusi, per tutte quelle situazioni che non possono essere rinviate all’indomani e sottoposte al Medico di famiglia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi